FIA Farmacisti in Aiuto Onlus
"Collaborare con le popolazioni povere e bisognose per favorire il loro progresso sociale e culturale."
youtubetwitterfacebookemailrss

News

L’attività dell’Ospedale di Msangein Tanzania, è ormai consolidata ed è considerata un elemento indispensabile nell’assetto sanitario territoriale.

I nostri referenti ci informano che attualmente sono pienamente operativi i servizi già descritti nella precedente relazione inclusi i tre ambulatori periferici di Madizini, Msolwa e Kisanga, anche se comincia a scarseggiare il materiale a causa sia del continuo aumento dei bisogni e dell’afferenza al servizio sia della marcata contrazione di aiuti dall’Italia a causa della crisi economica; contiamo di avere dati numeri precisi al ritorno alla spedizione di febbraio.

Siamo molto felici di come i nostri referenti locali, ed ingenerale Farmacisti in aiuto e Matumaini – Associazione nostra partner per questo progetto,vengano accolti e coinvolti nei progetti legati all’Ospedale e alla tutela della salute della popolazione della Valle dello Yovi.

Negli ultimi mesi il governo ha invitato tre persone di Msange a frequentare un corso specifico per lo studio della costruzione di un edificio da utilizzare per la cura dei malati di HIV, test center e consulenza volontaria. Come ben sapete questa malattia è una realtà molto grave di queste zone.

Il corso avrebbe ovviamente dei costi, così come la costruzione dell’edificio per cui stiamo cercando degli sponsor; ma ci fa enormemente piacere sapere che si sta diffondendo una maggiore consapevolezza sull’importanza della tutela della salute.

Recentemente baba Harrison, referente locale e nostro filo diretto con l’ospedale di Msange ha partecipato ad un incontro con lo staff durante il quale sono emerse diverse necessità, principalmente legate ai test di laboratorio. In particolare sono necessari i “rapid test” per malattie purtroppo molto diffuse quali HIV, malaria, Tifo, Sifilide; ma anche tipologie di  macchinario indispensabili come, ad esempio, il macchinario  che testi il CD4 su pazienti che hanno contratto l’HIV e che già assumono medicine, il macchinario che monitori il battito cardiaco del feto o quello che testi il funzionamento dei Reni. Sono necessari anche semplici materiali per permettere l’utilizzo quotidiano della strumentazione quali il gel e la carta speciale per la stampa dei risultati dell’ecografo.

Presto i nostri referenti si recheranno in zona di missione per verificare la situazione attuale, raccogliere gli aggiornamenti, svolgere incontri di educazione sul tema dell’acqua ed incontri con la popolazione per le tematiche sulle più frequenti patologie e infine uno studio sulla malnutrizione calorico-proteica nei bambini della valle. Oltre alla solita routine negli ambulatori di Msange, Kisanga e Msolwa (affiancamento agli operatori, raccolta dati e informazioni, verifica delle necessità e analisi dei bisogni, eccetera).